1° meeting Progetto Comenius- Lettonia


Dear Mrs Maria Elizabetta Soffritti, 

We are sending you this e-mail in order to thank you for facilitating the participation of your school in the first meeting of the Comenius project “Walking hand in hand can take us to Fair(y)land”. 

The meeting has been absolutely successful and that is because all colleagues are more than willing to work hard and cooperate for the benefit of this partnership. We would not however forget to mention that the Latvian school has been a perfect host. 

We hope that our students will be equally enthusiastic about it and that their contribution will make the project a constructive and, at the same time, enjoyable experience for everyone.
The addition of a second trip to Latvia has been a joint decision so that all participant students will have the chance to offer and receive hospitality. We think that depriving the Latvian students of their “right” to show their peers the place where they live and to share their customs and habits with them would be unfair. 

Bearing in mind that Comenius partnerships in general and especially the partnership at hand emphasize the need of intercultural understanding and acceptance of diversity, we place great importance in students’ accommodating their peers in their homes. Because only in this way will our students experience different cultures and realize that diversity is not only interesting but also beautiful.

We will be in touch sharing ideas and solving problems together looking forward to our second meeting in Italy in February.

We are sending you our best wishes

Anastasia Kourentzi

Coordinator of the Comenius Project





Gentile Sig.ra Maria Elisabetta Soffritti,

Le spediamo questa e-mail e la ringraziamo di aver agevolato la partecipazione della sua scuola a questo primo incontro del progetto Comenius “Walking hand in hand can take us to Fair(y)land”.

Il meeting è stato un successo assoluto in quanto tutti i colleghi sono più che desiderosi di lavorare seriamente e collaborare a beneficio di questo partenariato. Non dobbiamo dimenticare di menzionare la scuola lettone che è stata ospite perfetta.

Speriamo che anche i nostri studenti siano entusiasti e che il loro contributo, faccia del progetto un'esperienza costruttiva e, allo stesso tempo, divertente per tutti.

L'aggiunta di un secondo viaggio in Lettonia è stata una scelta congiunta, in modo che tutti gli studenti partecipanti abbiano l'opportunità di offrire e ricevere ospitalità. Pensiamo che privare gli studenti lettoni del “diritto” di mostrare ai loro coetanei il posto in cui vivono e di condividere le loro usanze sarebbe ingiusto.

Tenendo a mente che un partenariato Comenius in generale e specialmente il nostro, enfatizzano la necessità di comprensione interculturale e l'accettazione della diversità, diamo notevole importanza al fatto che gli studenti ospitino i loro compagni a casa propria. Solo in questo modo i nostri studenti potranno sperimentare le differenze culturali e rendersi conto che la diversità non è solo interessante ma anche bella.

Ci terremo in contatto condividendo le nostre idee e risolvendo i problemi insieme in attesa del nostro secondo meeting in Italia in febbraio.



I nostri migliori saluti



Anastasia Kourentzi

Coordinatrice del Progetto Comenius
Comments