News‎ > ‎

Greg con stile...d'oro

pubblicato 17 mar 2017, 04:01 da Ipsaa M. e T. Bellini   [ aggiornato in data 17 mar 2017, 05:12 ]
E’ stato davvero un week end da leoni quello vissuto da Gregorio Crocco a Fabriano, dove per ben due volte è salito sul podio in una manifestazione nazionale di nuoto. Dal 10 al 12 marzo si sono svolti i campionati italiani in vasca corta (25 metri), promossi dalla FISDIR (Federazione italiana sport disabilità intellettiva e relazionale), che hanno visto circa 263 atleti da tutta la penisola cimentarsi nei diversi stili natatori per le due classi in gara: la C21 (sindrome di Down) e la S14 (altre disabilità). Gregorio ha gareggiato nella classe C21 e ha sbaragliato il campo dei partecipanti nei 50 stile libero, raccogliendo un fantastico oro, e ottenendo un buonissimo secondo posto nei 50 farfalla. L’atleta di Santa Maria Maddalena è uno studente al primo anno dell’Istituto Bellini di Trecenta, indirizzo enogastronomico, e gareggia da ormai quattro anni per la società sportiva Uguali…diversamente di Rovigo. E’ allenato da Nicoletta Carnevale ed è seguitissimo a bordo vasca dalla sua famiglia composta da mamma Silvia, da papà Andrea e dalla sorellina Agata. “Gregorio si allena due-tre volte a settimana – ci dice la mamma Silvia, che lo ha seguito anche nelle imprese di Fabriano – negli impianti di Rovigo e di Occhiobello. A Rovigo si allena con i suoi compagni di squadra, che sono una decina, di età compresa tra i 14 e i 26 anni”. In realtà, come ci dice sempre la mamma di Gregorio, la specialità del campioncino del Bellini è la rana – nella quale ha già
 vinto un titolo italiano qualche anno fa – ma, purtroppo, a causa di un intervento alle ginocchia, Gregorio non riesce da circa due anni a cimentarsi in questo stile. Si tratta solo di aspettare che le articolazioni si sistemino e poi sicuramente altre soddisfazioni arriveranno anche nella rana. Gregorio compirà 16 anni il 25 marzo. Chi lo conosce nella scuola, ha già notato il suo carattere educato, riservato e tuttavia anche molto disponibile alla battuta e allo scherzo. Chi lo conosce lo definisce un “diesel” perché “scalda il motore” nella prima ora di lezione e dà il meglio di sé nelle ore centrali. Si distingue per degli ottimi voti in quasi tutte le materie e per la serietà con cui riesce a conciliare scuola e sport. Mamma Silvia, con una punta di orgoglio più che giustificato, precisa come la vita del figlio sia “molto intensa e organizzata, perché le attività sono tante e le attese molto alte. Si va dall’impegno scolastico mattutino allo studio pomeridiano, dal progetto per l’autonomia presso l’associazione Down Dadi di Adria (il giovedì pomeriggio) agli allenamenti di nuoto (il lunedì, il venerdì e a volte il sabato) fino all’attività di scout il sabato pomeriggio”. Gregorio si concede poi delle piacevoli escursioni con papà Andrea nelle giornate di domenica: il menu prevede uscite di caccia o battute di pesca. Gregorio, infatti, è un grande appassionato di pesca estrema, che segue con grande attenzione in documentari televisivi o in siti specializzati.
Comments