News‎ > ‎

Progetto Erasmus+ Apps4EL

pubblicato 26 apr 2017, 23:55 da Ipsaa M. e T. Bellini   [ aggiornato in data 3 mag 2017, 01:39 ]

Nell’ultima settimana del mese di marzo abbiamo partecipato in qualità di docenti accompagnatori, la Prof.ssa Marta Mancin e io, Prof. Paolo Squerzanti, al secondo “short term exchange with pupils” nell’ambito del progetto Erasmus + “Apps4EL”. Dopo aver ospitato in febbraio nelle nostre scuole gli studenti ed i docenti stranieri partner del progetto, per tre dei nostri alunni è stato il momento di andare in Germania, a Stadtbergen nei pressi della città di Augsburg, per una settimana, alloggiati presso le famiglie dei ragazzi tedeschi.
La settimana, organizzata dai colleghi della Parkschule di Stadtbergen coordinati dal Prof. Bernhard Pietzowski, è stata ricca di appuntamenti ed attività di vario genere. Dalla presentazione della loro scuola all’incontro con il Sindaco della città, dalle visite guidate ad Augsburg, Monaco di Baviera, al Castello di Neuschweinstein e Nördlingen ai laboratori di cucina, coding, matematica e lingue straniere, dalle attività sportive ai momenti di socializzazione con party e cene, è stato un susseguirsi di situazioni coinvolgenti, per i ragazzi e per gli insegnanti, e i giorni sono trascorsi intensamente e rapidamente.
Per noi docenti, l’esperienza è stata molto positiva e formativa sia dal lato professionale sia dal punto di vista personale ed umano. Ci si è confrontati con colleghi di altri paesi, con le loro realtà scolastiche, con i loro metodi di lavoro e le relative problematiche. Abbiamo visto come si possono utilizzare alcune applicazioni software nella didattica e apprezzato moderne strutture scolastiche. Abbiamo avuto modo di parlare, seppure con tutti i nostri limiti, attraverso una lingua comune, l’inglese, ma anche di apprendere vocaboli di altre lingue europee. Umanamente è stata una settimana significativa. Con i colleghi, con il passare dei giorni, si è creato un buon rapporto che ci ha consentito di conoscerci meglio e di trascorrere insieme momenti simpatici e divertenti.
I nostri tre studenti si sono perfettamente integrati con i compagni che li ospitavano e con i ragazzi degli altri paesi ed hanno partecipato sempre volentieri alle attività loro proposte. Hanno sempre mantenuto nei nostri confronti un atteggiamento corretto e di collaborazione. Riteniamo che per loro sia stata un’esperienza importante di crescita.
Al termine di questo scambio, rimane, oltre ad un piacevole ricordo, la sensazione che questi progetti dovrebbero essere allargati per poter coinvolgere più studenti e docenti vista la valenza formativa che portano.
Comments