News‎ > ‎

PRAGA (REPUBBLICA CECA)-27/30 MARZO 2017

pubblicato 5 mag 2017, 00:40 da Ipsaa M. e T. Bellini   [ aggiornato in data 5 mag 2017, 00:53 ]

Gli studenti delle classi terze (3B,3CE,3D) con i docenti Proff. S. Caruso, F. Panziera, V. Riello, M. Miletta dell'Istituto Bellini insieme alle classi terze(3A e 3B) dell'istituto Enzo Bari con i docenti Proff. F. Bellato e M. L.Boggiani ,hanno partecipato al viaggio d'istruzione a Praga nella Repubblica Ceca dal 27 al 30 Marzo.

Il gruppo è partito da Badia alle ore 6.00 ed è arrivato a destinazione in serata dopo aver fatto diverse soste durante il viaggio. Il giorno successivo è stato dedicato alla visita di Praga ,città misteriosa crogiolo di etnie e religioni diverse. Gli studenti,accompagnati dai loro docenti,hanno visitato il Castello Reale boemo”Hrad”, la sala dei cavalieri con la celebre finestra della “defenestrazione di Praga” da cui furono lanciati governatori imperiali,scrivani e altri illustri personaggi. E' stata poi visitata la cattedrale di San Vito,la basilica di San Giorgio,il vicolo d'oro, il monumento di Franz Kafka, il celeberrimo Ponte Carlo,monumento simbolo di Praga,le chiese barocche di santa Maria della Vittoria - Bambin Gesù di Praga ,il muro con graffiti e disegni ispirati a John Lennon simbolo di pace e libertà,il celebre orologio astronomico e la fiabesca chiesa del Tyn.

Il terzo giorno il gruppo ha proseguito l'itinerario visitando il quartiere ebraico Josefov ,l'antico cimitero Ebraico ,il Museo , la Sinagoga , e la Sinagoga spagnola.

Infine ha destato nei ragazzi interesse l'aiuola spontanea creata dai praghesi in ricordo di Jan Palac che morì suicida rifiutando l'occupazione sovietica nel 1969,in piazza San Venceslao cuore della Praga moderna.

Nel pomeriggio gli studenti hanno avuto modo, nel tempo libero di dedicarsi allo shopping e di visitare autonomamente le vie più affascinanti della città.

Il quarto giorno il gruppo è partito per il viaggio di ritorno portando con sé il ricordo di una città piena di fascino e antica gloria.  

Comments